Marina Kazankova

<< indietro

  

 

MARINA KAZANKOVA



Per poter presentare Marina Kazankova in modo adeguato, il 10 marzo 2005, apneaworld.com ha organizzato con la piena collaborazione dell’Acquario di Cattolica un eclatante evento che ha avuto i momenti culminanti nell’immersione della campionessa russa nella grande vasca degli squali.
Assieme a Marina si è immerso il nostro Gianni Risso che ha vissuto da vicino l’emozione degli incontri ravvicinati con 18 squali (grandi squali tori, nutrice, pinna bianca).
Attraverso le grandi vetrate, le evoluzioni sono state seguite da una troupe di RAI TRE con il giornalista Emilio D’Angelo e da una nutrita schiera di ragazzini molto interessati. Alla fine dell’immersione i ragazzini e D’Agelo hanno posto una lunga serie di domande a Marina che sprizzava gioia da tutti i pori ed era felicissima per essersi immersa con degli animali che vengono giudicati pericolosi e in verità lo diventano soltanto quando si trovano in pericolo e vengono minacciati. Anche i ragazzini erano felicissimi e per lo spettacolo e hanno posto molte domande intelligenti.
Il reportage sull’immersione all’Acquario di Cattolica uscirà sul GT RAGAZZI nei prossimi giorni, sarà dalle ore 16.15 e appena possibile confermeremo il giorno esatto.
Da sottolineare che attraverso "Squalo Anch’io” l’Acquario di Cattolica sostiene da circa due anni il progetto "L’unica alternativa è l’educazione” teso a contrastare il "finning”, la pesca che sta sterminando gli squali con l’insensata richiesta di pinne ad uso "zuppa di pesce”

E’ la campionessa mondiale 2004 di apnea nella specialità "Blue Jump” con la strabiliante misura di 152,34 metri, Record Mondiale Assoluto. Proprio in considerazione dell’eccezionalità della prestazione la inseriamo a pieno titolo nella galleria dei Primatisti Mondiali.
Marina è nata in Russia il 4 agosto 1981, lontano dal mare, ma fin da piccina, precisamente dai sette anni, ha iniziato il suo rapporto con l’acqua. All’inizio in piscina con suo padre Pavel e poi, dai nove anni in mare. Il legame con il liquido elemento si è fatto sempre più stretto e, seguendo le orme, o per meglio dire la scia paterna, l’apnea è diventata una delle ragioni di vita della bella campionessa russa.

CURRICULUM
Attrice professionista ha già preso parte a quattro film e a una decina di spettacoli teatrali in Russia e in Italia. Ha lavorato come modella per campagne pubblicitarie e per diversi noti stilisti (Trussardi, Armani, Egon von Furstenberg. E’ testimonial della Mares per l’apnea.
Parla correttamente: russo, inglese,francese e italiano.
Hobbies: l’immersione in apnea e poi paracadutismo, parapendio, ippica, sci nautico, windsurf, nuoto, sci e…cucinare.
Piatti preferiti: il pesce al sale, le zuppe, le insalate e la pizza
Colore: azzurro
Attore: Adriano Celentano
Scrittore: Paulo Coelo 
Fidanzato: il mare
Occhi: blu
Capelli castano chiaro
Altezza 1,77
Petto 89: vita 60; fianchi 89

L’INTERVISTA
Aw – "Come hai iniziato a praticare l’apnea?
Marina – Per seguire mio papà che è campione nazionale di apnea e si è piazzato 3° al mondiale alle isole Hawaii. Una volta provato non sono più riuscita ad uscirne. E’ talmente bello e affascinante, ti trovi in un’altra dimensione, in un mondo senza lo stress della vita quotidiana in città. Ti trovi veramente a contatto con la natura, riprovi le sensazioni di pace e felicità di quando eri nel grembo materno. Ora l’apnea fa parte della mia vita”.

AW Fra tutte le attività che fai, in assoluto quale ti piace di più? 
Marina – Il cinema che mi appassiona ed è il mio lavoro e l’apnea che mi fa rivivere ogni volta che la pratico.Il cinema è il mondo della finzione, un mondo duro e difficile e così mi sfogo immergendomi, non importa se in mare o in piscina. Sott’acqua mi sento tranquilla e felice come un pesce.

AW – Dei tanti viaggi che hai fatto quale rimpiangi di più?
Marina – Le immersioni in Nuova Caledonia con molti squali difficili da capire e con i quali è difficile stabilire qualsiasi tipo di rapporto. Si devono lasciare a debita distanza per non rischiare e non si deve mai mostrar paura, in caso contrario potrebbero attaccarti.

AW – Hai mai passato dei brutti momenti sott’acqua?
Marina – Sono affogata un paio di volte. Ma il momento più brutto l’ho vissuto a nove anni. Eravamo con papà su una spiaggia dell’Oceano Pacifico e a un certo punto ci siamo buttati in acqua, mano nella mano, ma c’era il mare mosso con onde di sei/sette metri. A un certo punto un’onda mi ha strappato dalla mano di mio padre portandomi lontano da lui e facendomi sbattere la testa contro la sabbia del fondo. "Smetto istintivamente di respirare per non riempirmi d’acqua i polmoni, ma rimango senz’aria e mi rendo conto di non aver più la forza per rialzarmi. Penso per l’ultima volta ai miei cari e in quel momento sento una mano afferrarmi: è mio padre che mi solleva e mi salva”.

AW – Hai già visto molti mari nel mondo, dove vorresti fare le prossime immersioni?
Marina: andrei dappertutto e dove mi porta il cuore. Non ho una meta, ma il mio sogno d’infanzia è l’Australia per fare immersioni e surf . In attesa dell’Australia, caro Iskandar, ti prometto che presto verrò in Liguria per immergermi con lo staff di apneaworld.com!".

RECORD DA GUINNESS
Da quando ero bambina avevo sempre sognato di far parte del libro del Guinness! Perchè è il libro per me! Il libro delle persone diverse, fuori dal comune, particolari, strani... Mi sono sempre sentita cosi!)

Qualche mese fa avevo ricevuto una chiamata da Gaby Coste. Mi aveva chiesto se mi andava di fare il tentativo del Record di Guinness... Certamente la mia risposta fu immediata. 2 settembre volo da Los Angeles a Bonaire (Caraibi) e scopro un isola meravigliosa con l'acqua cristallina e calda, sabbia bianca, asinelli, flamingo rosa, caprette, coralli e pappagalli! Gaby e Carlos Coste hanno organizzato Deepsea Challenge competizione di apnea in Statica, Immersione libera FIM, Assetto costante CTW, Assetto costante senza le pinne CNF e l'ultimo giorno della competizione il tentativo del Record del Mondo e Guinness. L'organizzazione perfetta: l'hotel con la piscina per la statica sulla spiaggia in un posto meraviglioso, dalla spiaggia alla piattaforma dove si svolge la competizione ci si arriva in 2 minuti di gommone o 15 minuti a nuoto. Cerco di trattenermi in competizione per non sprecare tutte l'energie, la mia meta principale è il Guinness!)

1 giorno statica e con 5.55 guadagno la medaglia d'oro e batto anche i maschietti
2 giorno Immersione libera, faccio 51 m. per abituarmi alla profondità
3 giorno 54 m. di costante senza le pinne e la medaglia d'argento
4 giorno 65 m. di costante e medaglia di bronzo

Marina's style ai Caraibi e di fare immersioni, anche le competizioni in costume da bagno, per sentire l'acqua tiepida che scorre sulla pelle, la sensazione di connessione con la natura.

Ovviamente tutti i giorni con Carlos Coste, che fa il tentativo del record mondiale e Guinness maschile andiamo ad allenarci nella nostra "piscina naturale". Lungo il lungomare c'è una piscina naturale fantastica con le cime sulla sabbia che fanno da corsie. Mettiamo la boa all'inizio della nostra cima, tutta l'attrezzatura: il costume, io uso quello da sirena, (perché vorrei lanciare il messaggio che l'apnea non e' uno sport estremo fatto solo per gli uomini ma un bellissimo gioco e rilassamento per tutti, dai piccoli ai grandi che ci permette di essere liberi e felici e in sicurezza in acqua) la monopinna, maschera è zavorra. Carlos fa il suo riscaldamento: più di 2 minuti di statica e poi un bel tuffo. Lo seguo sopra con la tavoletta da nuoto. Ma quant'è veloce! Bel esercizio per me a stargli dietro. Poi faccio il tuffo io e lui mi segue. Mi piace più fare i tuffi senza il riscaldamento preparandosi psicologicamente.

9.09.2016 Il Giorno del Record.
La mattina non vado a fare il tuffo fondo, faccio un bagnetto al mare per sentire l'acqua! E' molto tenera. Dopo pranzo controlliamo la corrente con Carlos nella nostra piscina naturale. Non'e' tanto forte, il giorno precedente era molto forte. Carlos propone di nuotare contro la corrente per il record.
17.00 tutti i spettatori sono in spiaggia, basta camminare sul lungomare per vedere l'atleta che fa la sua performance. I Safety sono in acqua, giudici e video operatori in barca di appoggio e in acqua, notaio in barca, tutti pronti.


Metto il mio costume da sirena, sono la prima a fare la mia immersione. Arrivo alle due boe di partenza, safety Alejandro tiene il body board di appoggio, lo uso per prepararmi. Respiro, faccio una bella deconcentrazione, la carpa e parto passando sotto la cimetta tra le boa, è il nostro start. Comincio a volare in acqua, sabbia, pescetti, coralli, sento l'acqua scorrere sul mio corpo, ma quanto mi rilassa, sento il rumore dello scooter subacqueo di Tom il nostro operatore con le camere a 360 da Los Angeles. Abbiamo le freccette bianche che indicano la distanza sulla cima, non riesco a leggerle. La corrente e' diventare piu' forte e sento come mi frena anche la mia bella coda da sirena fa perdere la velocità, ma è cosi bello stare sott'acqua lo stesso. Finalmente riesco a leggere la distanza: 80 m, ammappete, con le mie sensazioni muscolari sono 150 m.(in piscina), continuo e a 120 m. comincio ad aiutarmi con le braccia, è quello che faccio dopo i 200m in piscina quando si stancano le gambe. A 150 m. c'è una freccetta blu che indica il precedente record di Carlos, la passo e sento che e' l'ora! Faccio il record Mondiale e di Guinness femminile di 154.80 m! Baci, abbracci, applausi, foto, che bello vivere il mare e la vita.
Ora tocca a Carlos. Si prepara e fa 177m, batte il suo record precedente. In allenamento aveva fatto 195 m, ma la corrente era inferiore. Il tempo di permanenza sott'acqua per tutti e due e' lo stesso 3 minuti.
Tutti i spettatori da tutto il mondo si buttano in acqua a festeggiare con noi! Ci facciamo una bella festa sott'acqua. Grazie Gaby, grazie Carlos, grazie i nostri giudici, notaio, video operatori, safety, amici per il sopporto e la realizzazione del mio sogno d'infanzia!

 

Informazioni


APNEAWORLD
Località S. Bernardo, 116 - 16031 Bogliasco (GE) Italy
Per acquistare le foto e per informazioni:
Tel.: 339.11.63.866
 


Tutte le immagini e i testi di Apneaworld.com sono coperti da Copyright.
A richiesta i nostri fotografi possono realizzare qualsiasi servizio fotografico in Italia e all'estero.